Agenzia per il Lavoro

Indagine CNA Roma: autunno nero per PMI romane senza un intervento, fatturato dimezzato e poca fiducia nel futuro

indagine congiunturale cna 2020

Utili e fatturati più che dimezzati nel 40% dei casi nel primo semestre dell’anno, scarsa propensione a fare investimenti per oltre il 44%. Inoltre, il 68% degli intervistati afferma di non nutrire grande fiducia nel futuro: questo il quadro che emerge dall’indagine congiunturale sugli effetti della pandemia sulle imprese romane che la CNA di Roma ha affidato a SWG. La rilevazione ha raccolto più di 400 questionari, utili a tracciare un quadro dei vissuti degli imprenditori romani durante il primo semestre dell’anno e a verificare le attese rispetto al secondo semestre.

I dati evidenziano che soltanto una minoranza delle imprese intervistate è riuscita a mantenere produzione e fatturati sui livelli del 2019, a fronte di un 80% che ha visto una riduzione di tutti gli indicatori fondamentali. Circa il 40% degli intervistati stima nel primo semestre un fatturato e un utile più che dimezzato rispetto allo scorso anno. La disponibilità di ammortizzatori sociali ha invece consentito di mantenere stabile il numero degli addetti che si sono ridotti solo in una impresa ogni cinque.

“La nostra indagine parla chiaro: se non ci sarà un aiuto concreto da parte delle Istituzioni, in termini di semplificazione burocratica, di alleggerimento della pressione fiscale e di rilancio dell’economia gli imprenditori affronteranno un autunno nero da cui faranno fatica a uscire. L’occupazione ha tenuto solo grazie al blocco dei licenziamenti e al ricorso degli ammortizzatori sociali, ma quando questi due provvedimenti verranno meno saranno a rischio tantissimi posti di lavoro con delle ricadute impressionanti sulla nostra economia, già messa a dura prova dagli effetti più macroscopici del Covid, primo tra tutti, l’assenza di turismo internazionale”, commenta Stefano Di Niola, Segretario della CNA di Roma.

Continuando a leggere lo studio, infatti, la situazione appare particolarmente negativa per le aziende dei servizi e per quelle con meno di 10 dipendenti (escluse le ditte unipersonali. È importante osservare come i mesi di lockdown e di difficile riapertura, hanno però visto una impresa su tre (in particolare nel settore del commercio e del turismo) sfruttare la situazione per ripensare e riprogrammare le proprie attività e le proprie strategie.

Un ruolo decisivo è stato quello degli investimenti in particolare nei processi di digitalizzazione e di formazione, che hanno coinvolto il 31% delle aziende del campione. Preoccupante in questo senso che il 44% delle aziende (53% nel settore delle manifatture) non abbia fatto alcun investimento nel primo semestre e non pensi neppure di farne nel secondo.

Su questo tema va però detto che le aziende intervistate lamentano un peggioramento delle relazioni con le banche sia in termini di tempi di concessione del credito che di condizioni di accesso nel breve e nel lungo termine.

Lanciando uno sguardo al secondo semestre, le previsioni degli imprenditori che hanno risposto al sondaggio non paiono positive. Si conferma la percezione di una riduzione di produzione e fatturato e degli investimenti e un significativo aumento del ricorso agli ammortizzatori sociali disponibili, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

“La fotografia scattata mostra una situazione molto complessa, in cui le piccole e medie imprese romane saranno chiamate ad affrontare un’enorme sfida in termini di efficientamento e di riprogettazione organizzativa. Tuttavia comprendiamo il loro pessimismo perché questo non basterà per i comparti come ad esempio quello della filiera turistico soprattutto nella nostra città che ha nel turismo straniero un elemento trainante dell'economia totale”, conclude Michelangelo Melchionno, Presidente della CNA di Roma.

SCARICA L'INDAGINE CONGIUNTURALE

AllegatoDimensione
PDF icon indagine_congiunturale_cna_roma.pdf2.42 MB