INAIL ha pubblicato il nuovo Bando ISI 2020 | Finanziamenti alle imprese per salute e sicurezza sul lavoro

            CHIEDI INFO

INAIL ha pubblicato il nuovo Bando ISI 2020

bando isi inail 2020

L'INAIL ha pubblicato l'avviso pubblico ISI 2020 che finanzia investimenti in materia di salute e sicurezza sul lavoro (D.Lgs. 81/08). Il bando finanzia fino a 130 mila euro a fondo perduto.

FINALITÀ

L'avviso pubblico ha l’obiettivo di incentivare le imprese a realizzare progetti per il miglioramento documentato delle condizioni di salute e di sicurezza dei lavoratori rispetto alle condizioni preesistenti. Nello specifico:

  • abbattere le emissioni inquinanti
  • migliorare rendimento e sostenibilità globali
  • ridurre il livello di rumorosità o del rischio infortunistico o di quello derivante dallo svolgimento di operazioni manuali.


DESTINATARI

L’iniziativa è rivolta a tutte le imprese, anche individuali, ubicate su tutto il territorio nazionale iscritte alla Camera di commercio industria, artigianato ed agricoltura e gli Enti del terzo settore, ad esclusione delle micro e piccole imprese agricole operanti nel settore della produzione primaria dei prodotti agricoli; queste ultime destinatarie dell’iniziativa ISI agricoltura 2019-2020, pubblicata il 6 luglio 2020.

PROGETTI AMMESSI

Sono finanziabili le seguenti tipologie di progetto ricomprese in 4 Assi di finanziamento:

  • Progetti di investimento e Progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale - Asse di finanziamento 1 (sub Assi 1.1 e 1.2)
  • Progetti per la riduzione del rischio da movimentazione manuale di carichi (MMC) - Asse di finanziamento 2
  • Progetti di bonifica da materiali contenenti amianto - Asse di finanziamento 3
  • Progetti per micro e piccole imprese operanti in specifici settori di attività - Asse di finanziamento 4

RISORSE FINANZIARIE

Complessivamente € 211.226.450.

Le risorse finanziarie destinate dall’INAIL ai progetti di miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, sono ripartite per regione/provincia autonoma e per assi di finanziamento. Di tale ripartizione è data evidenza nell’allegato “ISI 2020 – risorse economiche” che costituisce parte integrante degli Avvisi pubblici regionali/provinciali pubblicati.

Il finanziamento, in conto capitale, è calcolato sulle spese ritenute ammissibili al netto dell’IVA, come di seguito riportato. Per gli Assi 1, 2 e 3 il finanziamento è costituito da un contributo in conto capitale fino al 65% delle spese ammissibili, calcolate al netto dell’IVA, sostenute e documentate, per la realizzazione del progetto. Il progetto da finanziare deve essere tale da comportare un contributo compreso tra un minimo di Euro 5.000 ed un massimo di Euro 130.000. Il limite minimo di spesa non è previsto per le imprese fino a 50 dipendenti che presentano progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale.

Per i progetti di cui all’Asse 4 il finanziamento è costituito da un contributo in conto capitale fino al 65% delle spese ammissibili, calcolate al netto dell’IVA, sostenute e documentate, per la realizzazione del progetto. Il progetto da finanziare deve essere tale da comportare un contributo compreso tra un minimo di Euro 2.000 ed un massimo di Euro 50.000.

PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA

Le date di apertura e chiusura della procedura informatica, in tutte le sue fasi, saranno pubblicate sul portale dell’INAIL, nella sezione dedicata alle scadenze dell’Avviso Isi 2020, entro il 26 febbraio 2021.

CALENDARIO SCADENZE

  • 1 giugno 2021 - Apertura della procedura informatica per la compilazione della domanda
  • 15 luglio 2021 entro le ore 18:00 - Chiusura della procedura informatica per la compilazione della domanda
  • Dal 20 luglio 2021 - Download codici identificativi

 

 

Leggi anche

Modello OT23 | Riduzione del tasso INAIL per interventi di prevenzione

Compila il modulo

Chiedi informazioni sulle modalità di accesso al Bando ISI 2020. Sarai ricontattato

 

 

I dati trasmessi saranno trattati in ottemperanza alla normativa sulla privacy ai sensi del nuovo GDPR del 27 aprile 2016