MyCNA   

Rifiuti: una sentenza della Commissione Tributaria rivoluziona la tassa per le imprese

Dal 2013 al 2016 la tassazione dei rifiuti a carico delle imprese romane è aumentata del 73% per laboratori, negozi e bar con il record dell’86% per i ristoranti

La doppia tassazione per 19mila imprese di produzione ha prodotto un indebito costo per le imprese di 60 milioni di euro

Esercizio commerciale o artigianale con medesima attività e metri quadri: costi più che doppi a Roma rispetto a Milano

Roma, 3 agosto 2017– Sono ben 19mila le imprese romane del settore produzione che pagano una tassa sullo smaltimento dei rifiuti speciali non dovuta. Un’imposizione che pesa non poco sulla competitività di queste aziende e che si aggiunge a una tassazione base sui rifiuti già molto elevata che porta un esercizio commerciale della Capitale, a parità di metratura e medesima attività, a pagare all’amministrazione comunale più del doppio (talvolta quasi il triplo) rispetto a Milano.

Ma andiamo con ordine. La Commissione Tributaria di Roma, nell’udienza dello scorso 5 luglio, a seguito del ricorso presentato da un’azienda di riparazione pneumatici, assistita dalla CNA di Roma, ha stabilito che le superfici dove si producono rifiuti speciali non sono soggette a tassazione. Tassa che invece oggi, come detto, sono costrette a pagare ben 19mila imprese.

Il ricorso si era reso necessario in quanto Roma Capitale, nonostante le proposte avanzate dalla CNA sia all’amministrazione guidata da Marino che a quella dell’attuale Sindaca Raggi, non ha voluto adeguare il Regolamento Capitolino sui Rifiuti alla Legge (L. 147/2013) che prevede la non tassabilità delle aree in questione. Basti pensare che le aree dove si producono rifiuti speciali oggi tassate, si estendono per circa 133mila mq., per un valore economico complessivo di oltre 13 milioni di euro.

Il Presidente della CNA di Roma, Michelangelo Melchionno chiede di modificare, in tempi brevi, il regolamento comunale alla luce di questa sentenza e di evitare, dunque, una doppia tassazione non dovuta alle imprese interessate e di aggiungere anche una norma che favorisca l’emersione e la riduzione dell’elusione.

Non solo. A Roma la tassazione sui rifiuti a carico delle imprese ha subito una vera e propria impennata dal 2003 a oggi. Qualche esempio. Un laboratorio artigiano è passato da una imposizione di 6,09 euro a mq del 2003 a una di 10,57 euro a mq nel 2016 per un aumento pari al 73,5%. Va ancora peggio per i ristoranti che, nel 2003, pagavano 22,7 euro a mq e ora si ritrovano a pagare ben 42,37 euro a mq per un aumento monstre pari all’86,1%.

Ecco, poi, due esempi indicativi sulla differenza, in termini di tassazione, del fare impresa a Roma o a Milano. Un bar con superficie totale di 230 mq nella Capitale spende, solo di tariffa rifiuti, 8.173 euro l’anno a fronte dei 3.656,30 euro dello stesso bar a Milano. Una differenza di ben 4.516,70 euro ovvero 2,24 volte l’importo che si paga sotto il Duomo. Un carrozziere a Roma, con un locale di 335 mq totali, spende 3.630,50 euro l’anno di tariffa rifiuti a fronte dei 1.466,35 che invece pagherebbe a Milano. Una differenza, in questo caso, di 2.164,15 euro pari a 2,5 volte l’importo.

In calce l'articolo de Il Corriere della Sera di Roma e la presentazione dei dati con la comparativa tra imprese di Roma e Milano.

Verifica la tua posizione della tua impresa e scopri come ottenere la detassazione