Agenzia per il Lavoro

PRONTO CASSA | 10mila Euro a tasso zero per esigenze di liquidità

Le richieste sono al momento bloccate per esaurimento

delle risorse disponibili della Regione Lazio

bando pronto cassa regione lazio coronavirus

Ecco PRONTO CASSA, il pacchetto di misure previsto dalla Regione Lazio attraverso la piattaforma FARE LAZIO per aiutare imprese e professionisti colpiti dalla crisi econommica conseguente al diffondersi del Coronavirus. Si tratta di finanziamenti per la copertura del fabbisogno di liquidità, denominata "Emergenza COVID 19-Finanziamenti per la liquidità delle MPMI". 

CNA di Roma e Coopfidi assistono le imprese e i professionisti nella presentazione della domanda per il bando Pronto Cassa della Regione Lazio

CARATTERISTICHE DEL FINANZIAMENTO

  • Importo: 10 mila Euro - fisso
  • Durata: da 1 a 5 anni
  • Preammortamento: 12mesi (solo per finanziamenti con durata di almeno 24 mesi)
  • Tasso di interesse: zero
  • Rimborso rata: mensile costante posticipata
  • Nessuna spesa da rendicontare

CHI PUÒ ACCEDERE AL FONDO

  • Le Imprese Medio, Piccole e Micro e i Liberi Professionisti che hanno sede operativa nel Lazio
  • Operanti in tutti i settori, ad esclusione di quelli considerati “non etici” e fuori campo di applicazione del Regolamento UE 1407/2014 “de minimis”.
  • Sono ammissibili ai finanziamenti erogati a valere sulla Sezione V anche le MPMI che alla data di presentazione della domanda hanno esposizioni bancarie SUPERIORI a Euro 100 mila.
  • NON sono ammissibili MPMI che hanno già ottenuto uno o più finanziamenti a valere sul Fondo Rotativo Piccolo Credito.
  • Ogni MPMI può ottenere un solo finanziamento a valere sulla Sezione V "Emergenza COVID 19-Finanziamenti per la liquidità delle MPMI"

CHI NON PUÒ ACCEDERE AL FONDO

  • L'impresa o il professionista che ha già ottenuto uno o più finanziamenti a valere sul Fondo Rotativo Piccolo Credito
  • L'impresa o il professionista che non è in regola con il versamento dei contributi previdenziali (INPS, INAIL, Cassa Edile)i, e con riferimento al periodo antecedente l’emergenza COVID-19 e quindi al 31 dicembre 2019
  • L'impresa o il professionista che nell’ultimo anno ha subito la revoca per inadempimento di finanziamenti e/o affidamenti
  • L'impresa o il professionista che non è in regola con il rimborso dei finanziamenti
  • L'impresa o il professionista che è oggetto di protesti e/o di iscrizioni e/o trascrizioni pregiudizievoli, con esclusione di quelle volontariamente concesse.

MODALITÀ DI VALUTAZIONE

  • Capacità di rimborso valutata sulla base dei dati relativi all’ultimo bilancio approvato o risultanti dalla situazione contabile aggiornata al 31 dicembre 2019 
  • Regolarità contributiva con le modalità semplificate individuate dagli Enti preposti. In conformità con il dettato del DL 18/2020, talemodalità semplificata si applica fino al 15 giugno 2020 e si intenderà automaticamente prorogata in caso di adeguamenti normativi
  • Autocertificazione di aver subito danni a causa dell’emergenza COVID-19, per effetto della sospensione o della riduzione dell’attività
  • Con riferimento al periodo antecedente l’emergenza COVID-19 e quindi al 31 dicembre 2019, del possesso dei requisiti relativi al non aver subito nell’ultimo anno la revoca per inadempimento di finanziamenti e/o affidamenti, essere in regola con il rimborso dei finanziamenti, e non essere oggetto di protesti e/o di iscrizioni e/o trascrizioni pregiudizievoli, con esclusione di quelle volontariamente concesse.

DOCUMENTAZIONE NECESSARIA

  • Visura Camerale (caso di domanda presentata da liberi professionisti Dichiarazione di inizio attività ai fini IVA resa all’Agenzia delle Entrate Modello AA9/10)
  • Documento e CF soci
  • per le imprese in contabilità ordinaria, gli Ultimi due bilanci depositati con ricevuta di deposito
  • per le imprese in contabilità semplificata, le Ultime due dichiarazioni dei redditi (con ricevuta di invio) corredate delle situazioni contabili sulla cui base sono state redatte le dichiarazioni medesime
  • situazione contabile al 31 dicembre 2019
  • marca da bollo da 16 euro
  • Posta Elettronica Certificata
  • Firma Elettronica

COSTI

  • 300 Euro + IVA da pagare successivamente all’erogazione del finanziamento
  • 100 Euro + IVA per tessera associativa CNA 
  • 51,60 Euro quota Coopfidi (solo se non già associato)

Approfondimenti

Finanziamento fino a 25.000 euro. Ecco come richiederlo subito

Emergenza COVID-19. Dal DL Cura Italia 600 euro di sostegno al reddito

Tutto quello che c'è da sapere sul decreto Cura Italia

Decreto Cura Italia. Misure a sostegno della liquidità

Decreto Cura-Italia. Ecco gli ammortizzatori sociali per le imprese

AllegatoDimensione
PDF icon finanziamento_liquidita_regione_lazio.pdf3.84 MB

Compila il modulo

Chiedi informazioni per accedere al finanziamento della Regione Lazio. Sarai ricontattato

 

 

I dati trasmessi saranno trattati in ottemperanza alla normativa sulla privacy ai sensi del nuovo GDPR del 27 aprile 2016