Agenzia per il Lavoro

Fai circolare l'economia, riduci gli sprechi alimentari

economia circolare

Giovedì 14 novembre, ore 10

Casa delle Imprese CNA Roma

Viale Guglielmo Massaia, 31

REGISTRATI PER PARTECIPARE

 

La CNA di Roma organizza un'iniziativa per mettere in atto nel comparto alimentare alcune pratiche per ridurre gli sprechi e attivare un'economia circolare.

Si parte da una ricerca svolta con la collaborazione di ASVIS (Alleanza per lo Sviluppo Sostenibile) che ha indagato l'entità degli sprechi nel settore della produzione di prodotti da forno e ha individuato alcune esperienze di riutilizzo degli scarti di lavorazione.

Saranno presentati casi nazionali come ad esempio quello del pane di Altamura ed esperienze europee come l'app Too Good To Go per la ricollocazione di cibi e prodotti al limite di scadenza ed infine il rapporto tra Banco Alimentare e Caritas per utilizzo delle eccedenze a fini caritatevoli.

Nel corso dell'iniziativa saranno discussi, anche alla presenza del Comune di Roma, modelli organizzativi, incentivi e vincoli da rimuovere per far decollare un proposta realistica di economia circolare che aumenti l’occupazione e diminuisca gli sprechi.

 

PROGRAMMA

ore 10.00 Apertura

  • Claudio Capezzuoli - Responsabile CNA Alimentare Roma

 

ore 10.30 Risultati delle ricerca Asvis

  • Giulio Lo Iacono - Responsabile Pianificazione, Gestione e Monitoraggio Attività Trasversali

 

ore 11.00 Economia circolare e riduzione degli sprechi/esempi a livello nazionale

  • Barbara Gatto - Responsabile DPT Politiche Ambientali CNA Nazionale

 

ore 11.20 Un esempio di economia circolare e lotta agli sprechi. Too Good to go

  • Eugenio Sapora - Country Manager Too Good To Go Italia

 

ore 12.00 Come ridurre gli sprechi a Roma e creare un economia circolare

  • Dibattito

 

ore 13.00 Chiusura dei lavori

AllegatoDimensione
PDF icon incontro_economia_circolare.pdf695.1 KB

Compila il modulo

Partecipa all'iniziativa sull'economia circolare

 

 

I dati trasmessi saranno trattati in ottemperanza alla normativa sulla privacy ai sensi del nuovo GDPR del 27 aprile 2016